ARCHIVIO

UN PO’ DI STORIA DELLA SCUOLA EMAS ED ECOLABEL PUGLIA (S.E.E.P.)

PREMESSA

La Scuola EMAS ed ECOLABEL Puglia (di seguito S.E.E.P.), fin dalle sue origini nel 2004, è sottoposta ad uno specifico e particolare sistema di accreditamento normato, ab origine, da Regolamenti Comunitari come appresso specificato. Ogni singolo ed annuale progetto annuale si configura come MASTER DI 1° LIVELLO ed è accreditato con specifico provvedimento del Comitato Nazionale Interministeriale ECOLABEL e ECOAUDIT, 

  • istituito, quale Organismo Competente, con Decreto del Ministero dell’Ambiente n. 413/95 in ossequio ai Regolamenti CE 1221/09 EMAS e CE 66/10 ECOLABEL 
  • incardinato in ISPRA 
  • composto da rappresentanti esperti designati dai Ministeri dell’Ambiente, della Sanità, del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero per l’Economia e Finanza (i componenti per il triennio 2020-2022 sono intercettabili al link https://www.isprambiente.gov.it/it/attivita/certificazioni/comitato-ecolabel-ecoaudit) 
  • in ossequio a quanto disposto dallo SCHEMA DI RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE in materia di EMAS ed ECOLABEL (ultima rev. 7 del 14 gennaio 2019 vedi link – https://www.isprambiente.gov.it/it/attivita/certificazioni/files/emas/2019/schema-formazione-rev.-7) 
  • che disciplina criteri di accesso, programma formativo, metodologie, materie di studio, ore, crediti formativi, attestati e registro nazionale dei consulenti qualificati sia per il master di 1° che di 2° livello 

I vari progetti di S.E.E.P. hanno visto avvicendarsi, nell’organo di gestione, vari soggetti partner quali Regione Puglia, ARPA Puglia, Confindustria Puglia, Istituti di ricerca (Università, CNR, etc.), Distretti Produttivi Regionali della Green e Blue Economy. 

La S.E.E.P. 2020 – 2021 (XIII  edizione), in modalità e-learning ed in linea con lo Schema di Riconoscimento dei Corsi di Formazione in materia di EMAS ed ECOLABEL (Rev. 07 del 14 Gennaio 2019), è stata accreditata dal COMITATO INTERMINISTERIALE ECOLABEL ED ECOLABEL come da nota pec  prot. n. 911 del 30/09/2020. Prevede un assetto gestionale complessivo, sancito da Accordi di Partenariato, affidato ad A.FO.RI.S. e al Politecnico di Bari (di seguito POLIBA), affiancati da A.R.P.A Puglia e dal Distretto Produttivo Regionale per l’Ambiente (di seguito DI.P.A.R.), tutti rappresentati nella Commissione Locale Scuola EMAS ed ECOLABEL (di seguito C.L.S.E.). 

 

ENTI PROMOTORI E PARTNERSHIP DI GESTIONE

L’edizione XII (2016) è stata realizzata con l’istituzione del CLUB EMAS ed ECOLABEL PUGLIA (2011), Associazione di Promozione Sociale (vedi più avanti), che raccoglie l’adesione di numerosi enti pubblici e privati mentre la direzione didattica della S.E.E.P. è stata sempre assicurata da A.FO.RI.S. che detiene anche la Presidenza del Club. A.FO.RI.S. è accreditato quale Ente di Formazione presso la Regione Puglia ed opera con condizioni di organizzazione interna ispirate all’efficacia e all’efficienza (UNI EN ISO 9001-2015).

II Politecnico di Bari, istituito con L.N. n. 245 del 7 Agosto 1990, unisce alla storia trentennale di grande qualità della didattica e della ricerca specifiche competenze nei settori dell’energia rinnovabile, con importanti progetti di ricerca scientifica (anche in raggruppamento con aziende/enti del territorio) che di trasferimento tecnologico.

A.R.P.A Puglia e DI.P.A.R. affiancano A.FO.RI.S Impresa Sociale e il POLIBA nella C.S.L.E. con i ruoli di seguito specificati.

L’ARPA Puglia, sempre presente nelle varie edizioni della S.E.E.P. ed identificata come “ente di garanzia” dal Comitato ECOLABEL ed ECOAUDIT, svolge funzioni di controllo e verifica di gestione tecnica delle attività formative, mentre il Sistema di Imprese (Confindustria, Distretti Produttivi, etc.) svolge funzioni di sostegno e di divulgazione delle informazioni sull’adozione dei Sistemi di Gestione Ambientale e relative Best Practise. 

E’ il caso di ricordare che l’A.R.P.A Puglia, è preposta all’esercizio di attività e compiti in materia di prevenzione e tutela ambientale ai sensi della L.R. n. 6/99 e ss.mm.ii. (cd. Legge istitutiva) e del R.R. n. 7/08, e fa parte del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente ai sensi della L. n. 132/16, deve assicurare per l’intero territorio regionale, in particolare:

-il coordinamento e l’espletamento delle attività a supporto del COMITATO ECOLABEL ed ECOAUDIT – Sezione EMAS Italia per le istruttorie di registrazione e verifica ex post del mantenimento del requisito, secondo la procedura operativa del Consiglio Federale del SNPA (DOC. N. 43/14-CF), recepita con DDG n. 554 del 15/9/16, come modificata dalla Delibera del Consiglio SNPA DOC n. 5/17;

-le attività di formazione, educazione e informazione ambientale, anche in collaborazione con il sistema regionale e con le Università;

-il supporto scientifico alle Scuole per Revisori e Consulenti Ambientali EMAS ed ECOLABEL, presenti sul territorio ed accreditate dal Comitato ECOLABEL ed ECOAUDIT;

-la promozione e la diffusione della certificazione EMAS e del marchio ECOLABEL.

Il DI.P.A.R., riconosciuto con Delibera di Giunta della Regione Puglia n. 837 del 23 marzo 2010, ai sensi della Legge Regionale n. 23 del 3 agosto 2007,  rappresenta un “luogo d’incontro privilegiato” nel quale mettere in connessione la pluralità di soggetti che, a vario titolo, si occupano professionalmente di ambiente, al fine di realizzare una nuova sinergia tra competenze ed eccellenze scientifiche, culturali e capacità produttive ed imprenditoriali. Il DI.P.A.R. è composto da Aziende, Associazioni Private, Sindacali e di Categoria, Enti pubblici e privati e Università ed Enti di Ricerca.

Le principali attività delle aziende del DI.P.A.R. sono riconducibili a:

• Programmazione, progettazione/costruzione/gestione di impianti di :

– trattamento rifiuti e reflui di provenienza urbana, industriale, sanitaria;

– potabilizzazione;

– impianti di produzione energetica, con particolare riferimento a biomasse

• Bonifiche ambientali

• Formazione Professionale.

A.FO.RI.S., POLIBA, ARPA Puglia e DI.P.A.R. aderiscono, con ruoli diversi, al già citato Club EMAS ed ECOLABEL Puglia, il quale può continuare esercitare funzioni di raccordo tra gli enti promotori e di sostegno ed il contesto territoriale e programmatico di riferimento in cui si colloca la S.E.E.P.

Il Club EMAS ed ECOLABEL Puglia è un’Associazione di Promozione Sociale che persegue la promozione e lo sviluppo della qualità ambientale del territorio, delle organizzazioni pubbliche e private, dei prodotti e servizi attraverso la cultura di una nuova dinamica di intense relazioni tra Enti pubblici, imprese e professionisti che incentivi la diffusione delle certificazioni ambientali, in generale, e degli schemi EMAS ed ECOLABEL, in particolare.

Fra i soci promotori del Club si annoverano i già citati enti della S.E.E.P. – 2018/19. Vi aderiscono numerose organizzazioni, pubbliche e private, registrate o in corso di registrazione EMAS, come il Gruppo AQP SpA, Enti di Gestione di Aree Protette, Comuni certificati ISO 14001, Consorzio di strutture alberghiere “WELCOME IN PUGLIA”, vari e primari enti di certificazione nonché numerosi singoli professionisti specializzati nel settore.

Il Club, come altre iniziative già avviate in Italia (Club EMAS Veneto, Club EMAS Emilia Romagna, Club Emas Lazio) ed in Europa (Club EMAS della Catalonia, Club EMAS della Germania), punta a rafforzare la visibilità delle certificazioni ambientali, di sistema e di prodotto (EMAS, ISO 14001, ECOLABEL, EPD, etc.), sviluppandone una loro maggiore capacità comunicativa, ovvero ad attivare e sviluppare relazioni tra il sistema regionale delle organizzazioni certificate EMAS/ECOLABEL e i possibili interlocutori (come ad es. Enti Locali, Associazioni, Cittadini, Consumatori, etc.) aumentandone le informazioni e la consapevolezza.

 

I PERCORSI FORMATIVI DELLA S.E.E.P.

Nel corso degli anni di attività, la S.E.E.P. ha contribuito non solo alla formazione di Esperti di Certificazione Ambientale, ma anche alla costruzione di un Network di Soggetti (pubblici e privati) proiettati verso la definizione di “sostenibilità” quale strumento essenziale delle scelte territoriali e produttive secondo i principi dell’integrazione (in campo ambientale non esistono compartimenti stagni) e della corresponsabilità (i destinatari delle politiche ambientali sono nel contempo partner della loro attuazione).

 

Formazione per auditor interni e consulenti ambientali EMAS 

(di seguito indicato con la sigla SE–RA) – durata 276 ore. 

Il corso SE–RA o master di I Livello, intende formare figure professionali di alto profilo, quali gli auditor interni e i consulenti ambientali, per supportare le organizzazioni nella introduzione e nella valutazione dei sistemi di gestione ambientale (SGA), nella effettuazione dell’Analisi Ambientale Iniziale, nelle attività di audit interno e nella predisposizione della Dichiarazione Ambientale in riferimento a specifici settori di attività (codici NACE). Comprende un modulo di 40 ore per auditor e la successiva acquisizione di competenze nella effettuazione di audit. E’ richiesto che tale modulo formativo abbia le caratteristiche e i contenuti di un corso per auditor riconosciuto secondo quanto descritto nella normativa tecnica di riferimento (UNI EN ISO 19011). L’ingresso alle selezioni di accesso alle attività formative SE-RA è consentito ai candidati in possesso di Laurea di I° Livello (requisito minimo). Le Lauree in discipline non scientifiche devono essere integrate da una formazione specifica documentabile in tematiche e tecnologie ambientali, sistemi di gestione e quanto in generale attiene alla specificità del corso. 

Candidati in possesso di titolo di studio di grado inferiore alla laurea possono essere accettati previa approvazione da parte del Comitato Ecolabel Ecoaudit purché abbiano maturato comprovata e significativa competenza (formazione ed esperienza lavorativa) pluriennale in materia ambientale. 

 

Formazione per consulenti ambientali Ecolabel 

(di seguito indicato con la Sigla SEE – CA) – durata 276 ore. 

Il corso SEE-CA o master di I Livello, intende formare figure professionali quali consulenti ambientali, per supportare le aziende durante il percorso relativo all’ottenimento del marchio Ecolabel di prodotto e/o di servizio consistente, in particolare, nelle attività di audit interno e nella predisposizione dei documenti da presentare per l’istruttoria propedeutica al rilascio del marchio. 

L’accesso alle attività formative SEE–CA è disciplinato come per i corsi SE – RA

I corsi organizzati dalla S.E.E.P. si sono contraddistinti per il “taglio pratico”, attuato attraverso un’attenta selezione dei docenti impiegati, e una metodologia didattica basata sull’approccio “learning by doing” attraverso l’analisi e simulazione di casi reali. Le attività formative sono state realizzate da consulenti senior e professionisti iscritti all’albo regionale di docenti e tutor istituito dalla S.E.E.P.

Ad oggi sono stati attuati corsi sui settori della Pubblica Amministrazione, Gestione dei Rifiuti e Trattamento Reflui, Raccolta Trattamento e fornitura di acqua, Ricettività Turistica, Produzione e Risparmio Energia, Agroindustria.

La validità del percorso effettuato dalla S.E.E.P. è stato dimostrato dai “numeri”, (domande, richieste di partecipazione ai corsi di formazione, contatti con gli operatori di settore, etc.) e dai risultati ottenuti anche in termini di placement.

 

PERCHE’ LA S.E.E.P. IN E-LEARNING

Occorre rimarcare che, sin dalle prime edizioni, la S.E.E.P. ha accolto corsisti provenienti da regioni limitrofe (Basilicata, Campania e Molise) che da regioni lontane (Sicilia, Sardegna e Lazio) oltre che, ovviamente, dalla Puglia. Ne consegue che l’indirizzo in E-Learning della S.E.E.P. potrà ulteriormente favorire la partecipazione dei corsisti dell’intero territorio nazionale favorendo la ripresa anche delle altre scuole avviate in Italia ed attualmente ferme per ragioni organizzative ed economiche.

Di fronte a uno scenario socio-economico gravido di cambiamenti, la formazione a distanza è divenuta ormai un’esigenza necessaria.

Tutti i settori strategici, da quello economico a quello scolastico e della formazione professionale, fanno i conti con le conseguenze dovute alla rapida diffusione di quello che è stato ribattezzato dai media un nemico invisibile. Nonostante il dramma collettivo dell’emergenza Coronavirus e le inevitabili battute d’arresto, per chi è a casa non sono mancate occasioni di approfondimenti e studi in sessioni F.A.D. (Formazione A Distanza). Università, enti specializzati e scuole pubbliche e private si sono, infatti, reinventate attraverso la rete e la formazione F.A.D. Grazie al supporto delle tecnologie e della solidarietà digitale, la F.A.D. consente alla popolazione che è a casa di poter fruire comunque di attività formative che permettono la crescita professionale e l’aggiornamento, senza correre il rischio di arrestare la propria crescita personale e professionale. In un mondo in cui si è abituati a ritmi frenetici che quasi non lasciano il tempo di pensare, in cui basta fare un semplice click per reperire qualsiasi tipo di informazione, ovunque si trovi, quanto è importante la formazione e quali tools si possono utilizzare per renderla fruibile?

La F.A.D. rappresenta una risposta efficace alle nuove esigenze che emergono dal mondo del lavoro e più in generale dai nuovi meccanismi istruttivo-formativi innescati dal processo di digitalizzazione. Questa metodologia sfrutta gli strumenti tecnologici, al fine di trasferire le conoscenze in un contesto più dinamico, incidendo al contempo sulla qualità dell’apprendimento. Una delle caratteristiche principali della F.A.D. è la possibilità per il corsista di seguire i corsi non dovendo raggiugere la “sede fisica” dell’ente erogante, grazie al supporto di piattaforme interattive in cui è possibile seguire le lezioni in modalità sincrona e consultare il materiale on-line ogni qual volta che si presentino dubbi inerenti l’argomento, oggetto di discussione, in modalità asincrona. Le lezioni possono essere integrate da strumenti multimediali (quali audio, video, esercitazioni per argomento, test di verifica dell’apprendimento, animazioni) che rappresentano il chiaro segnale di un nuovo approccio formativo, che si distacca dalla dimensione tradizionale dell’insegnamento, quale trasmissione statica dei contenuti delle discipline da parte del docente, per collegarsi a un approccio estremamente dinamico e interattivo.

Occorre rimarcare che, sin dalle prime edizioni, la S.E.E.P. ha accolto corsisti provenienti da regioni limitrofe (Basilicata, Campania e Molise) che da regioni lontane (Sicilia, Sardegna e Lazio) oltre che, ovviamente, dalla Puglia. Ne consegue che l’indirizzo in E-Learning della S.E.E.P. potrà ulteriormente favorire la partecipazione dei corsisti dell’intero territorio nazionale.